comunicato stampa

A Brescia fino al 18 febbraio la mostra del Meeting di Rimini su Giobbe

Riaprono, anche se a fatica, i musei e le gallerie d’arte, non ancora le sale da concerto, e anche per eventi culturali locali cominciano a riaprirsi gli spazi, naturalmente nel rispetto delle norme anti-Covid. È quanto accade a Brescia, dove viene proposta la

mostra

C’è qualcuno che ascolta il mio grido?
Giobbe e l’enigma della sofferenza

A cura di Ignacio Carbajosa e Guadalupe Arbona

da lunedì 8 a giovedì 18 febbraio 2021
Sala Piamarta, via S. Faustino 70 – Brescia

a cura della Confraternita dei Ss. Faustino e Giovita

La mostra rimane aperta con ingresso gratuito da lunedì a venerdì ore 15.00-18.00, lunedì 15 febbraio ore 9.00-18.00 e sarà visitabile nel rispetto delle misure di distanziamento e prevenzione della diffusione del contagio Per eventuali richieste di visite fuori orario per piccoli gruppi contattare parrocchia1@sanfaustinobrescia.org.

L’inaugurazione si è tenuta lo scorso 6 febbraio online sulla pagina Facebook e il canale Youtube della Confraternita dei Ss. Faustino e Giovita, con la partecipazione del parroco di San Giovanni Evangelista don Maurizio Funazzi e della dottoressa Cristina Agostini

Ma perché proprio Giobbe? Il problema del male e della sofferenza innocente ha sempre interrogato l’essere umano. Negli ultimi tre secoli, invece, questo problema è diventato domanda sulla bontà e l’esistenza stessa di Dio. Come mai un Dio buono può permettere questo? Dal terremoto di Lisbona nel 1755, ai più recenti attentati terroristici, senza dimenticare i campi di concentramento del secolo XX, i grandi incidenti aerei, i disastri naturali o la sofferenza dei bambini nelle guerre.

Il libro biblico di Giobbe ripropone il problema della sofferenza in un modo molto efficace e attuale, come si vede dal fatto che è una delle opere più riprese dalla letteratura contemporanea. La mostra ripropone il grido di Giobbe in dialogo col grido dei nostri coetanei fino ad arrivare a quel litigio che l’uomo di Us (e l’uomo moderno) presenta a Dio.

La risposta divina non è stata una spiegazione, ma una presenza buona. «Adesso», spiegano i curatori, «Giobbe ha un Tu a cui rivolgere le sue domande sul dolore. Con Gesù, volto concreto della misericordia del Padre, è entrata nella storia una Presenza buona che ci permette di guardare in faccia le nostre sofferenze nell’orizzonte delle sofferenze assunte dal Figlio di Dio. Al di fuori di questa storia particolare, la ragione dell’uomo, davanti all’enigma del dolore, è abbandonata a una solitudine spaventosa».

La mostra “C’è qualcuno che ascolta il mio grido? Giobbe e l’enigma della sofferenza” è stata realizzata in occasione della manifestazione “Meeting per l’Amicizia fra i popoli”, anno 2018

Clicca per leggere la scheda della mostra.

Le mostre del Meeting di Rimini sono proposte da International Exhibition Service srl, uffici in Via Pietrarubbia, 32/B – 47922 Rimini (RN). Per contatti e info info@meetingmostre.com tel. 0541-728565

Mostra - C'è qualcuno che ascolta il mio grido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *